Orange Is the New Black

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Orange Is the New Black
Orange Is the New Black.png
Titolo originale Orange Is the New Black
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2013 – in produzione
Formato serie TV
Genere commedia, drammatico
Stagioni 2
Episodi 26
Durata 51-60 min
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 16:9
Colore colore
Audio Dolby Digital Plus 5.1
Crediti
Ideatore Jenji Kohan
Interpreti e personaggi
Casa di produzione Lionsgate Television
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 11 luglio 2013
Al in corso
Rete televisiva Netflix
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal settembre 2014
Al
Rete televisiva Mya

Orange Is the New Black è una serie televisiva statunitense trasmessa in streaming su Netflix,[1] ideata da Jenji Kohan e prodotta da Lionsgate Television. La serie è ispirata alle memorie di Piper Kerman Orange Is the New Black: My Year in a Women's Prison[2] e ha debuttato l'11 luglio 2013.[3] In Italia la priam stagione è andata in onda dal 5 giugno 2014 sul canale Infinity, mentre la seconda verrà trasmessa da settembre 2014.[4]

Il 27 giugno 2013 Netflix ha rinnovato la serie per una seconda stagione,[5] che sarà pubblicata il 6 giugno 2014. Inoltre l'attrice Laura Prepon ha anticipato tramite il suo account Instagram che la serie è stata rinnovata per una terza stagione.[6]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Piper Chapman è una donna proveniente dal Connecticut, residente a New York, che viene condannata a scontare quindici mesi al Litchfield, un carcere federale femminile, per aver trasportato una valigia piena di soldi di provenienza illecita per Alex Vause, una trafficante di droga internazionale e un tempo sua amante.

Personaggi e interpreti[modifica | modifica sorgente]

  • Piper Chapman, interpretata da Taylor Schilling.
    Piper si costituisce dopo essere stata accusata di aver fatto da corriere della droga insieme alla sua ex fidanzata, Alex, anch'essa detenuta. Durante la sua permanenza nel carcere di Litchfiel, NY, cerca di capire qual sia la propria posizione nella società.
  • Alex Vause, interpretata da Laura Prepon.
    Alex è l'ex fidanzata di Piper, ed ha vissuto un'infanzia difficile con la madre in una situazione disagiata economicamente e con un padre rock-star che non ha conosciuto fino alla maggiore età. Ha lavorato per un cartello internazionale di droga ed è finita nello stesso carcere di Piper. Prepon inizialmente fece il provino per il ruolo di Piper, ma Kohan le fece leggere il copione di Alex e venne assunta con questo ruolo.[7]
  • Sam Healy, interpretato da Michael J. Harney.
    Sam è una delle guardie del carcere ed è l'assistente personale di Piper a cui deve far riferimento la detenuta. Inizialmente cerca di instaurare un rapporto di amicizia con la protagonista dimostrandosi gentile e comprensivo, poi cambia il suo atteggiamento repentinamente dopo aver sorpreso Piper ballare con Alex in modo da lui ritenuto inopportuno, troppo "lesbico". Egli è sposato con una donna ucraina che aspetta di ricevere la Green Card.
  • Galina "Red" Reznikov, interpretata da Kate Mulgrew.
    Red si occupa della cucina del carcere. In precedenza aveva un ristorante con il marito nel quale aveva rapporti con la mafia Russa. Ella rappresenta una figura materna all'interno della struttura detentiva per un gruppo di ragazze, fra cui delle ex tossicodipendenti.
  • Miss Claudette, interpretata da Michelle Hurst.
    Miss Claudette è la compagna di stanza di Piper: aveva una compagnia di pulizie con cui nascondeva gli ingressi clandestini di minorenni negli Stati Uniti. Condannata per aver ucciso un uomo che picchiava e molestava una delle sue ragazzine dell'impresa di pulizie.
  • Larry Bloom, interpretato da Jason Biggs.
    Larry è il fidanzato di Piper prima che ella fosse condannata. È uno scrittore e cercherà di mantenere la relazione con Piper anche dietro le mura del carcere.

Episodi[modifica | modifica sorgente]

Stagione Episodi Prima TV USA Prima TV Italia
Prima stagione 13 2013 2014
Seconda stagione 13 2014 2014

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Orange Is the New Black ha ricevuto giudizi positivi dalla critica,[8][9][10] con Metacritic che dà alla serie un punteggio di 79 su 100.[11] Il 19 giugno 2014 è stata una delle serie più premiate ai "Critics' Choice Television Awards 2014", ha vinto il premio come "Migliore serie TV commedia", "Miglior attrice non protagonista in una serie TV commedia" e infine "Miglior guest star in una serie TV commedia".[12]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Nellie Andreeva, Duo Cast In Netflix's 'Orange Is The New Black', Don Stark Upped On VH's 'Bounce', Deadline, 17 settembre 2012. URL consultato il 1º luglio 2013.
  2. ^ (EN) Nellie Andreeva, Netflix Eyeing Second Original Series – Comedy From Weeds Creator Jenji Kohan, Deadline.com, 22 luglio 2011. URL consultato il 29 luglio 2013.
  3. ^ (EN) Lesley Goldberg, Netflix Sets Premiere Date for Jenji Kohan's 'Orange Is the New Black', The Hollywood Reporter, 30 aprile 2013. URL consultato il 30 aprile 2013.
  4. ^ Paolino, Orange is the new black, la prima stagione su Mya slitta a settembre (ma subito dopo partirà la seconda), tvblog.it, 16 maggio 2014. URL consultato il 17 maggio 2014.
  5. ^ (EN) Nellie Andreeva, Netflix Renews ‘Orange Is The New Black’ For Second Season, Deadline.com, 27 giugno 2013. URL consultato il 27 giugno 2013.
  6. ^ Instagram
  7. ^ http://o.canada.com/2013/08/01/orange-is-the-new-blacks-laura-prepon-on-rebuking-lesbian-advances-nudity-and-lena-dunhams-karla-hamolka-jokes/ Canada.com
  8. ^ (EN) Angel Cohn, Jailhouse Rock, Television Without Pity. URL consultato il 29 luglio 2013.
  9. ^ (EN) Devin O'Leary, Doin' Time, Weekly Alibi, 18 luglio 2013. URL consultato il 29 luglio 2013.
  10. ^ (EN) Miles McNutt, Lesbian Request Denied, Onion AV Club, 18 luglio 2013. URL consultato il 29 luglio 2013.
  11. ^ (EN) Critic Reviews for Orange Is the New Black Season 1, Metacritic. URL consultato il 18 luglio 2013.
  12. ^ Le foto dei Critics' Choice Awards - Il Post

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione