Phoneutria nigriventer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il veleno prodotto dal ragno, vedi Phoneutria nigriventer (veleno).
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Phoneutria nigriventer
Wandering spider.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Superfamiglia Lycosoidea
Famiglia Ctenidae
Sottofamiglia Phoneutriinae
Genere Phoneutria
Specie P. nigriventer
Nomenclatura binomiale
Phoneutria nigriventer
(Keyserling, 1891)
Sinonimi

Ctenus nigriventer
Keyserling, 1891
Ctenus nigriventer
F.O.P.-Cambridge, 1897
Ctenus nigriventer
Strand, 1909
Ctenus rufichelis
Mello-Leitão, 1917
Ctenus paca
Mello-Leitão, 1922
Ctenus luederwaldti
Mello-Leitão, 1927
Phoneutria luederwaldti
Mello-Leitão, 1936
Phoneutria paca
Mello-Leitão, 1936
Phoneutria fera
Bücherl, 1952[1]
Phoneutria luederwaldti
Bücherl, Lucas & Eickstedt, 1969
Phoneutria paca
Bücherl, Lucas & Eickstedt, 1969
Phoneutria rufichelis
Bücherl, Lucas & Eickstedt, 1969

Phoneutria nigriventer (Keyserling, 1891) è un ragno appartenente alla famiglia Ctenidae, dal nome comune di ragno delle banane.

L'aggressività delle specie del genere Phoneutria e l'elevata tossicità del loro veleno pongono questi ragni ai primi posti in quanto a pericolosità per l'uomo, pur causando la morte solo nel 2-3% dei casi. Curiosamente tra le persone morse dal ragno sono segnalati casi di priapismo.

Nell'edizione 2007 del Guinness Book of World Records, questa specie è citata come il ragno più velenoso del mondo, dato confermato nell'edizione del 2012.[2][3]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Ragno di dimensioni piuttosto grandi, raggiunge i 15 centimetri di legspan (lunghezza del corpo incluse le zampe). Il cefalotorace è di colore bruno chiaro e di forma ovale, maggiormente arrotondato anteriormente; ha una scanalatura longitudinale di colore nero da cui si dipartono linee radiali marrone scuro. Gli occhi, sporgenti nella pars cephalica, sono otto, frontalmente disposti nella configurazione 2-4-2 in file ricurve dall'alto verso il basso[4].

I cheliceri hanno tre dentelli sul margine anteriore e cinque sul margine posteriore, sono di colore rosso-bruno, se il ragno è minacciato acquistano una tonalità più accesa. I pedipalpi, di colore nerastro, hanno la sezione tibiale particolarmente robusta sia sul margine laterale anteriore sia ventralmente[4].

Le zampe, piuttosto lunghe in proporzione alla grandezza del corpo, hanno come formula: I, IV, II, III; le tibie, i metatarsi e i tarsi sono ricoperte da scopulae molto fitte[4].

L'opistosoma dorsalmente è di colore marrone chiaro, attraversato da due linee in senso longitudinale di punti di colore più chiaro; ventralmente il colore varia dal marrone scuro al giallognolo; dalle filiere si dipartono linee radiali macchiettate di punti bianchi[4].

L'epigino è di forma triangolare o quadrangolare con i lobi anteriori di forma convessa e il lobo posteriore ricurvo. Le spermateche sono di forma sferica e il dotto copulatorio appena sinuoso[4].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

La specie vive nelle foreste e zone umide ed è piuttosto diffusa in varie zone del Brasile, ed è stata rinvenuta anche più a sud in Argentina settentrionale, Uruguay e Paraguay[5]. Vive soprattutto nella foresta amazzonica e atlantica, e la sua propensione a nascondersi tra le piantagioni di banane ne favorisce il contatto con gli uomini e ne accresce la reputazione di ragno pericoloso.[3][6] La si può incontrare fra i caschi di banane, nascondigli abituali di molti altri ragni, e anche nelle abitazioni urbane nascosta nelle scarpe, nei vestiti o nei sacchetti della spazzatura. Conviene quindi prestare la massima cautela quando si scorge un ragno di grandi dimensioni tra le banane o in un capo di abbigliamento, in particolare se assume la caratteristica posizione di attacco con le zampe anteriori alzate.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Dalla prima descrizione dell'aracnologo Keyserling del 1891 fino al 1936, questa specie è stata attribuita al genere Ctenus Walckenaer, 1805. Ne differisce per la presenza delle abbondanti scopulae in gran parte delle zampe e soprattutto per la particolare posizione difensiva che assume quando è minacciato: si pone in posizione eretta sulle quattro zampe posteriori e muove lateralmente il corpo agitando le quattro zampe anteriori[4]. Per la varietà di denominazioni che gli sono state attribuite, vedi il tassobox.

Al 2012 non sono state descritte sottospecie[5].

Veleno[modifica | modifica sorgente]

Phoneutria nigriventer su un braccio umano
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Phoneutria nigriventer (veleno).

La neurotossicità del suo veleno lo rende, assieme all'australiano Atrax robustus, uno dei ragni più pericolosi in assoluto.[7] Infatti, bastano 0,006 milligrammi di veleno iniettato per via intravenosa, oppure 0,134 inoculato sotto pelle, per uccidere un topo di 20 grammi di massa corporea.

Il veleno della Phoneutria negriventer contiene una varietà di tossine che hanno in comune la capacità di agire sui canali del sodio voltaggio-dipendenti, calcio e potassio. Inoltre, hanno anche attività sul trasportatore del glutammato.[8]

Queste tossine ritardano l'inibizione dei canali neuronali del sodio; cosa che può condurre alla depolarizzazione delle fibre muscolari e delle terminazioni nervose in prossimità delle giunzioni neuromuscolari e all'attivazione del sistema nervoso autonomo fino a provocare il rilascio di neurotrasmettitori come l'acetilcolina e la catecolamina. I peptidi presenti nel suo veleno possono indurre contrazioni della muscolatura vascolare e aumentare la permeabilità vascolare attivando il sistema del tessuto callicreina e stimolando il rilascio di ossido di azoto (NO).

Questo aiuta a comprendere i sintomi locali e sistemici caratteristici del suo morso, tra cui si annoverano il priapismo che può condurre a impotenza, la tachicardia, il vomito, la diarrea, la parestesia, l'edema e lo shock anafilattico. Da quando nel 1996 furono sviluppati antidoti specifici per il suo veleno non si sono più registrati casi di morte, ma il pericolo non è scongiurato e permane soprattutto per i bambini e per le persone più deboli. La somministrazione dell'antiveleno è necessaria solo nel 2-3% dei casi.[9]

È stato notato che a seguito del morso di questa specie, inoltre, vi siano particolari effetti collaterali negli organi sessuali maschili: nello specifico, sono state analizzate erezioni durate fino a quattro ore.[10] Pare che queste siano causate dalla tossina TX2-6, trovata nel veleno del ragno. Grazie a questa scoperta, gli scienziati sperano di poter aiutare gli uomini che soffrono di disfunzioni erettili.[11][12][13][14][15][16] Si è notato che gli uomini che abbiano subito il morso di questo ragno, nella maggior parte dei casi, dichiarino di avere avuto una vita sessuale migliorata.[17][18]

Statistiche condotte dall'istituto di medicina tropicale di San Paolo mostrano che la distribuzione dei morsi, inferti all'uomo durante l'anno, raggiunga il massimo nei mesi di marzo ed aprile, poiché quel periodo coincide con quello dell'accoppiamento di questa specie, e le Phoneutria nigriventer tendono quindi a essere meno nascoste e più attive. I morsi vengono inferti quasi sempre alle estremità, come mani e piedi, di solito all'interno delle case urbane ed in orari diurni, sebbene questi ragni abbiano abitudini crepuscolari.[19] Il morso è particolarmente pericoloso per i bambini, con conseguenze letali maggiori che negli adulti. Attualmente vi è un solo produttore al mondo di siero antidoto, cosa che ne complica la reperibilità internazionale.[20] Gli incidenti che coinvolgono il genere Phoneutria sono comuni nella regione di Campinas; i gruppi più a rischio sono i bambini sotto i 10 anni e gli adulti oltre i 70 anni di età. I casi di grave avvelenamento sono rari (0,5%).[21]

Un terzo dei morsi inferti all'uomo sembra essere dry bite, cioè senza veleno inoculato; tuttavia la difficoltà di riconoscere l'esatta sottospecie, anche nell'ipotesi che dopo il morso il ragno sia stato catturato e ben conservato, rende per lo meno incerta quest'affermazione.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Una cliente di un supermercato di Chatham (Regno Unito) ha scoperto una colonia di questi ragni, importata con le banane dal Brasile, che fortunatamente non l'ha aggredita. Ai fotografi intervenuti non è stato permesso d'effettuare riprese per il pericolo potenziale che ciò avrebbe rappresentato.[22]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sinonimia in seguito respinta
  2. ^ (EN) Brazilian Wandering Spider at Animal Corner.
  3. ^ a b (EN) "Brazilian Tramp "most venomous spider in the world : FindingTheWorld.
  4. ^ a b c d e f Revision and cladistic analysis of the Neotropical spider genus Phoneutria Perty, 1833 (Araneae, Ctenidae), with notes on related Ctenidae URL consultato il 12 maggio 2013
  5. ^ a b The world spider catalog, version 13.5, Ctenidae URL consultato il 12 maggio 2013
  6. ^ Rainer Foelix, Biology of Spiders, Oxford University Press, USA, 3 Dicembre 2010, pp. 353–, ISBN 978-0-19-973482-5.
  7. ^ (EN) Academic Journals formerly published by NPG
  8. ^ Gomez MV, Kalapothakis E, Guatimosim C, Prado MA, Phoneutria nigriventer venom: a cocktail of toxins that affect ion channels in Cell. Mol. Neurobiol., vol. 22, 5-6, dicembre 2002, pp. 579–88, PMID 12585681.
  9. ^ Bucaretchi F, Deus Reinaldo C, Hyslop S, Madureira P, De Capitani E, Vieira R, A clinico-epidemiological study of bites by spiders of the genus Phoneutria in Rev Inst Med Trop Sao Paulo, vol. 42, nº 1, pp. 17-21, PMID 10742722.
  10. ^ Declan Hayes, God's Solution: Why Religion Not Science Answers Life's Deepest Questions, iUniverse, 21 agosto 2007, pp. 354–, ISBN 978-0-595-90418-1.
  11. ^ KP. Nunes, HA. Toque; MH. Borges; M. Richardson; RC. Webb; ME. de Lima, Erectile function is improved in aged rats by PnTx2-6, a toxin from Phoneutria nigriventer spider venom. in J Sex Med, vol. 9, nº 10, ottobre 2012, pp. 2574-81, DOI:10.1111/j.1743-6109.2012.02878.x, PMID 22925420.
  12. ^ KR. Leite, E. Andrade; AT. Ramos; FC. Magnoli; M. Srougi; LR. Troncone, Phoneutria nigriventer spider toxin Tx2-6 causes priapism and death: a histopathological investigation in mice. in Toxicon, vol. 60, nº 5, ottobre 2012, pp. 797-801, DOI:10.1016/j.toxicon.2012.06.006, PMID 22750220.
  13. ^ KP. Nunes, BM. Wynne; MN. Cordeiro; MH. Borges; M. Richardson; R. Leite; ME. DeLima; RC. Webb, Increased cavernosal relaxation by Phoneutria nigriventer toxin, PnTx2-6, via activation at NO/cGMP signaling. in Int J Impot Res, vol. 24, nº 2, pp. 69-76, DOI:10.1038/ijir.2011.47, PMID 21975567.
  14. ^ LR. Troncone, KG. Ravelli; FC. Magnoli; I. Lebrun; DC. Hipolide; R. Raymond; JN. Nobrega, Regional brain c-fos activation associated with penile erection and other symptoms induced by the spider toxin Tx2-6. in Toxicon, vol. 58, nº 2, agosto 2011, pp. 202-8, DOI:10.1016/j.toxicon.2011.05.019, PMID 21684302.
  15. ^ FE. Villanova, E. Andrade; E. Leal; PM. Andrade; RC. Borra; LR. Troncone; L. Magalhães; KR. Leite; M. Paranhos; J. Claro; M. Srougi, Erection induced by Tx2-6 toxin of Phoneutria nigriventer spider: expression profile of genes in the nitric oxide pathway of penile tissue of mice. in Toxicon, vol. 54, nº 6, novembre 2009, pp. 793-801, DOI:10.1016/j.toxicon.2009.06.006, PMID 19524607.
  16. ^ FS. Torres, CN. Silva; LF. Lanza; AV. Santos; AM. Pimenta; ME. De Lima; MR. Diniz, Functional expression of a recombinant toxin - rPnTx2-6 - active in erectile function in rat. in Toxicon, vol. 56, nº 7, dicembre 2010, pp. 1172-80, DOI:10.1016/j.toxicon.2010.04.010, PMID 20417652.
  17. ^ (EN) TX26 Venom from a Brazilian spider for Erectile Dysfunction.
  18. ^ (EN) BBC NEWS | Americas | Spider venom could boost sex life.
  19. ^ (EN) Revista do Instituto de Medicina Tropical de São Paulo - A clinico-epidemiological study of bites by spiders of the genus Phoneutria, pp. 18.
  20. ^ (ESES) de Roodt AR, Gutiérrez LR, Rufino Caro R, Lago NR, Montenegro JL, [Obtention of an antivenom against Phoneutria nigriventer (arachnida; ctenidae) venom] in Arch Argent Pediatr, vol. 109, nº 1, febbraio 2011, pp. 62–5, DOI:10.1590/S0325-00752011000100014, PMID 21283947.
  21. ^ Bucaretchi F, Deus Reinaldo CR, Hyslop S, Madureira PR, De Capitani EM, Vieira RJ, A clinico-epidemiological study of bites by spiders of the genus Phoneutria in Rev. Inst. Med. Trop. Sao Paulo, vol. 42, nº 1, 2000, pp. 17–21, PMID 10742722.
  22. ^ (EN) World's deadliest spider discovered in Britain inside a box of Tesco bananas | Mail Online.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Riviste[modifica | modifica sorgente]

  • KP. Nunes, A. Costa-Gonçalves; LF. Lanza; SF. Cortes; MN. Cordeiro; M. Richardson; AM. Pimenta; RC. Webb; R. Leite; ME. De Lima, Tx2-6 toxin of the Phoneutria nigriventer spider potentiates rat erectile function. in Toxicon, vol. 51, nº 7, giugno 2008, pp. 1197-206, DOI:10.1016/j.toxicon.2008.02.010, PMID 18397797.
  • Miguel Simò, Antonio D. Brescovit, Revision and cladistic analysis of the Neotropical spider genus Phoneutria Perty, 1833 (Araneae, Ctenidae), with notes on related Ctenidae in Bulletin of British Arachnological Society, vol. 12, nº 2, 2001, pp. 67-82.
  • C. Bernard, C. Legros; G. Ferrat; U. Bischoff; A. Marquardt; O. Pongs; H. Darbon, Solution structure of hpTX2, a toxin from Heteropoda venatoria spider that blocks Kv4.2 potassium channel. in Protein Sci, vol. 9, nº 11, novembre 2000, pp. 2059-67, PMID 11152117.
  • RG. Santos, CR. Diniz; MN. Cordeiro; ME. De Lima, Binding sites and actions of Tx1, a neurotoxin from the venom of the spider Phoneutria nigriventer, in guinea pig ileum. in Braz J Med Biol Res, vol. 32, nº 12, dicembre 1999, pp. 1565-9, PMID 10585642.

Testi[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi