Portale:Abruzzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Portale Abruzzo


Regione-Abruzzo-Stemma.svg
L'Abruzzo
Mappa dell'Abruzzo
Regione prevalentemente montuosa, è costituita per il 65,1% da montagne e per il restante 34,9% da colline.

La pianura è costituita da una stretta fascia costiera che segue il litorale. La regione presenta le più alte vette dell'Appennino, con il Gran Sasso d'Italia alto 2914 m e il massiccio della Majella di 2793 m. I fiumi principali sono l'Aterno-Pescara, il Sangro, il Tronto, il Trigno, il Tordino, il Vomano e l'alto corso del Liri che si getta nel Mar Tirreno.

Il clima abruzzese è fortemente condizionato dal massiccio montuoso appenninico, che perciò divide nettamente il clima della fascia costiera e delle colline subappenniniche da quello delle fasce montane più elevate: le prime zone citate dunque presentano delle caratteristiche di tipo semi-mediterraneo, con temperature che decrescono progressivamente con l'altitudine e precipitazioni che aumentano invece con il rilievo ...
Regione-Abruzzo-Stemma.svg
Vetrina abruzzese
Wikimedaglia oro.png
Pescara notturna

Pescara, situata sulla foce dell'omonimo fiume, è una città dell'Abruzzo di 125 mila abitanti, al centro di una conurbazione che ne conta circa 300 mila, ed è capoluogo dell'omonima provincia. Fino al 1927 il territorio dell'attuale comune di Pescara era diviso tra i due comuni di Pescara, a sud del fiume, in provincia di Chieti, e Castellammare Adriatico, a nord del fiume, in provincia di Teramo. Con l'unificazione dei due Comuni, rientrante nel più ampio progetto fascista di riorganizzazione degli enti territoriali italiani, fu istituita anche la Provincia.

Altre voci in vetrina Leggi tutta la voce...


Regione-Abruzzo-Stemma.svg
Lo sapevi che...

La Cascata del peccato[modifica | modifica wikitesto]

La Cascata del peccato è una cascata di ghiaccio che si trova nel massiccio del Gran Sasso vicino al Monte Prati.

È una cascata storica, sita in un vallone impervio e difficile da raggiungere. Claudio Arbore e Alessandro Spada fecero la prima salita integrale ed in libera il 2-3-1993, ma vi furono altri tentativi prima (un tentativo storico fu fatto da Paolo Caruso).

 Suggerisci una curiosità  Leggi la voce...
Regione-Abruzzo-Stemma.svg
Abruzzese del giorno
Wikimedaglia oro.png
Gabriele d'Annunzio

Gabriele d'Annunzio (Pescara, 12 marzo 1863 - Gardone Riviera, 1 marzo 1938), poeta e drammaturgo italiano, simbolo del decadentismo ed eroe di guerra, oltre a quella letteraria ebbe anche un'eccentrica carriera politica.

Il padre era Francesco Paolo Rapagnetta, che era stato adottato dallo zio acquisito Antonio D'Annunzio, un ricco commerciante e armatore. Tuttavia Francesco Paolo (che con un decreto del tribunale civile dell'Aquila assunse il cognome dei D'Annunzio) fu dedito a una vita dispendiosa e in pochi anni dissipò il patrimonio familiare lasciando agli eredi solo la casa di famiglia.
Se vogliamo trovare un segno dell'ambiente familiare nelle vicende biografiche del poeta, sicuramente questo aspetto esuberante ed edonistico del carattere paterno non può passare inosservato.
D'altronde il giovane Gabriele non tardò a manifestare una personalità priva di complessi e inibizioni, portata al confronto competitivo con la realtà. Per comprendere meglio il senso di questa osservazione, è bene leggere la lettera che il sedicenne Gabriele scrisse a Giosuè Carducci, mentre frequentava il liceo all'istituto Cicognini di Prato, ricordando che allora Carducci era il più rinomato poeta italiano. Proprio il padre sovvenzionò nel 1879 la pubblicazione della prima raccolta di poesie del giovane studente,"Primo vere", attorno alla quale nacque immediatamente quello che sarebbe diventato il "fenomeno dannunziano".
Accompagnato da un'entusiastica recensione critica sulla rivista romana «Fanfulla della Domenica», il successo del libro venne gonfiato dallo stesso D'Annunzio che fece diffondere la falsa notizia della propria morte per una caduta da cavallo; notizia che ebbe l'effetto, insieme alle successive smentite, di richiamare l'attenzione del pubblico romano sul romantico studente abruzzese, facendone un personaggio da leggenda.
Altri abruzzesi Leggi tutta la voce...
Regione-Abruzzo-Stemma.svg
Cartoline dall'Abruzzo
Regione-Abruzzo-Stemma.svg
Novità
Regione-Abruzzo-Stemma.svg
Categorie

Nei riquadri qui sotto, clicca "+" per vedere le voci contenute all'interno di una categoria e "-" per nasconderle. Cliccando sui link, puoi accedere alle relative categorie o voci.



  • Per visualizzare delle immagini sull'Abruzzo a caso, clicca qui.
  • Per visualizzare una voce sull'Abruzzo a caso, clicca qui.
Regione-Abruzzo-Stemma.svg
Altri progetti
Regione-Abruzzo-Stemma.svg
Portali collegati
Regione-Abruzzo-Stemma.svg
Provincia
dell'Aquila
Stemma


La Provincia dell'Aquila è una provincia dell'Abruzzo di 300.000 abitanti con capoluogo a L'Aquila. È una provincia interna, senza sbocchi sul mare. Confina con la Provincia di Teramo a nord, con la Provincia di Pescara e la Provincia di Chieti a est, con il Molise (Provincia di Isernia) a sud-est e con il Lazio (Provincia di Frosinone, Provincia di Roma e Provincia di Rieti) a ovest.
Regione-Abruzzo-Stemma.svg
Provincia
di Pescara
Stemma


La Provincia di Pescara è una provincia dell'Abruzzo.

Confina con la Provincia di Teramo a nord, con il Mare Adriatico a nord-est, con la Provincia di Chieti a est e con la Provincia dell'Aquila a sud e a ovest.
Regione-Abruzzo-Stemma.svg
Provincia
di Teramo
Stemma


La Provincia di Teramo è una provincia dell'Abruzzo.

Confina a nord con le Marche (Provincia di Ascoli Piceno), a est con il Mare Adriatico, a sud con la Provincia di Pescara, con la Provincia dell'Aquila a sud e a ovest, e con il Lazio a ovest (Provincia di Rieti).
Regione-Abruzzo-Stemma.svg
Provincia
di Chieti
Stemma


La Provincia di Chieti è una provincia dell'Abruzzo.

Confina con la provincia di Pescara a nord-ovest, con la provincia dell'Aquila a sud-ovest e con il Molise: provincia di Isernia a sud e provincia di Campobasso a sud-est. A nord-est è bagnata dal Mare Adriatico.