Wolfenstein: The New Order

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wolfenstein: The New Order
WolfensteinTheNewOrder.jpg
Sviluppo MachineGames
Pubblicazione Bethesda Softworks
Data di pubblicazione 20 maggio 2014 (Nord america)[1]/Europa)[2]
Genere Sparatutto in prima persona
Tema Fantascienza, Horror
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma Microsoft Windows, PlayStation 3, Xbox 360, PlayStation 4, Xbox One
Motore grafico id Tech 5
Periferiche di input Tastiera, mouse, gamepad
Preceduto da Wolfenstein

Wolfenstein: The New Order è uno sparatutto in prima persona in fase di sviluppo da parte di MachineGames, e sarà pubblicato da Bethesda Softworks.

Il gioco è stato annunciato il 7 maggio 2013[3], tramite un trailer con tema musicale All Along the Watchtower eseguita da Jimi Hendrix, e seguirà gli eventi della saga reboot iniziata con Return to Castle (2001) e Wolfenstein (2009). Il gioco utilizzerà l'avanzatissimo motore grafico sviluppato da id Software, l'id Tech 5.[4]

Il gioco non ha ancora una data di rilascio ufficiale, era previsto per l'ultimo trimestre del 2013[4], ma slittò al 2014.[5]Il 19 febbraio Bethesda Softworks rivelò che la data di rilascio per il gioco sarebbe stata il 20 maggio in Nord america ed il inizialmente il 23 maggio in Europa[6]; spostata poi, nel mese di marzo, al 20 maggio.

Gameplay[modifica | modifica sorgente]

The New Order sarà principalmente incentrato su una trama particolarmente approfondita, e non conterà su una modalità multiplayer.[7] Bethesda Softworks ha inoltre dichiarato di non aver criticato in nessun modo questa scelta di MachineGames, e neanche di averli spinti a cambiare le loro decisioni.[8] Pete Hines ha certificato che sarà un sparatutto in prima persona non convenzionale,[9] e che il livello di difficoltà sarà spinto ai massimi livelli, come i precedenti capitoli, senza però allo stesso tempo creare situazioni troppo ostiche per il giocatore.[10]

Vi sarà inoltre il ritorno dell'Obergruppenführer Wilhelm Strasse, noto come Deathshead, antagonista principale dei due precedenti capitoli, Return to Castle e Wolfenstein.[11]

Trama[modifica | modifica sorgente]

L'agente B.J. Blazkowicz si sveglia misteriosamente in Polonia, nel 1946 senza alcun ricordo e sotto attacco da parte di artiglieria. Anya, un’infermiera polacca lo salverà e lo porterà in un manicomio, dove "B.J." trascorrerà i successivi quattordici anni in uno stato di coma. Quando si sveglierà, nel 1960, si troverà davanti un mondo completamente stravolto e trasformato dall'ordine nazista.[12]

Infatti contrariamente a quanto accaduto nella realtà, in seguito agli eventi di Wolfenstein, la Germania nazista è infine riuscita a porre fine alla seconda guerra mondiale, vincendola nel 1946 e prendendo sotto controllo anche città come Londra e New York; nella quale le truppe naziste hanno addirittura distrutto la Statua della libertà e l'Empire State Building.[4] Nel 1954 i nazisti hanno anche eseguito un'allunaggio, e grazie ad una nuova tecnologia hanno sviluppato dei mecha autonomi da combattimento.[12]

Note[modifica | modifica sorgente]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi